Master Brand

Quanto ne sai sulla bartonella?

Condividi su
Intro Text
Se hai un gatto, probabilmente hai anche qualche graffio. Quindi è importante che tu sia al corrente dell’esistenza di un batterio chiamato bartonella.

Questo nome forse non ti suona familiare, ma quasi sicuramente avrai sentito parlare della malattia del graffio del gatto. Si tratta di un’infezione curabile, ma piuttosto fastidiosa, che può avere effetti collaterali anche gravi. Continua a leggere per trovare tutto quello che devi sapere sull’infezione da bartonella.
Content
Image
Gatto che si fa coccolare dal padrone

Bartonella: di cosa si tratta?

È un batterio piuttosto comune diffuso in tutto il mondo, ne esistono diverse specie e vive nelle pareti dei vasi sanguigni di animali domestici e selvatici e dell’uomo. La malattia che provoca è conosciuta come bartonellosi. Questo batterio può essere trasmesso da diversi parassiti, ma per il gatto il responsabile principale della trasmissione della malattia è la pulce, non attraverso la puntura ma attraverso l’ingestione di questi parassiti.

Bartonella henselae: cos’è?

La bartonella henselae nello specifico è il batterio responsabile della malattia del graffio del gatto. Il nome dice tutto: è una malattia dell’uomo trasmissibile dal gatto e l’infezione ha origine proprio dopo essere stati graffiati o morsi da un gatto domestico o selvatico, soprattutto dai gattini. Non è la saliva del gatto ad essere infetta, ma le feci delle pulci presenti sul suo mantello che contengono il batterio e vanno a contaminare le ferite create dai graffi o dai morsi. È piuttosto comune tra i bambini (e tra i proprietari di gatti piuttosto scontrosi).

Malattia del graffio del gatto: sintomi

I sintomi causati dal batterio Bartonella henselae e dalla malattia del graffio del gatto includono febbre, crosta in corrispondenza della ferita e linfonodi gonfi (dopo 1-3 settimane). Molte persone segnalano anche la perdita dell’appetito, dolori ed eruzioni cutanee. I casi più gravi di bartonellosi includono visione offuscata, intorpidimento, perdita della memoria e problemi di equilibrio.

Qual è il trattamento più indicato?

Il trattamento adeguato spesso dipende dal ceppo di bartonella che ha infettato il paziente. Rivolgiti al tuo medico di base per sapere cosa fare ed, eventualmente, per ricevere una cura antibiotica specifica.

Si può curare la bartonella?

Sì. Nella maggior parte dei casi il sistema immunitario riesce a uccidere il batterio da solo. Altrimenti, esistono cure antibiotiche.

Qual è il modo migliore di prevenire la bartonella?

Per evitare di contrarre la bartonella e sviluppare la malattia del graffio del gatto, è consigliabile somministrare regolarmente al tuo gatto un trattamento antipulci e lavarsi accuratamente le mani se entri in contatto con le feci delle pulci presenti sul loro mantello. È anche una buona idea non fare arrabbiare il tuo gatto!

Tags
Condividi su