Master Brand

Consigli per l'alimentazione del gatto adulto

Condividi su
Intro Text
Come nutrire correttamente un predatore nato come il gatto? Semplice: con un regime alimentare simile a quello che seguirebbe in natura, basato su alimenti di origine animale e in grado di soddisfare i suoi fabbisogni nutrizionali. Ecco alcuni consigli su come fornire una corretta alimentazione a un gatto adulto.
Content
Image
Gatto mangia

Anche se vive in un appartamento e trascorre la maggior parte del tempo a sonnecchiare sul divano, il gatto adulto rimane un carnivoro, un animale il cui istinto è quello di cacciare, catturare e mangiare le proprie prede. Occuparsi della sua alimentazione significa dunque cercare di fornirgli una dieta che, basandosi su elementi di origine animale, soddisfi il suo fabbisogno alimentare naturale.

Qual è il fabbisogno nutrizionale del gatto adulto?

L’alimentazione di un gatto adulto deve essere appetibile e soprattutto ben formulata, quindi digeribile, capace di prevenire carenze di sostanze nutritive fondamentali quali proteine e grassi e in grado di aiutarlo a mantenere un peso ideale.

Il fabbisogno nutrizionale di un gatto dipende ovviamente dalle sue abitudini, dalle sue condizioni di salute e dalla sua attività fisica, ma deve comunque soddisfare appieno le sue esigenze nutritive. Nonostante prediliga la carne e il pesce, è indispensabile che il gatto assuma anche alimenti di origine vegetale (che non ama particolarmente), poiché contribuiscono a fornirgli tutte le sostanze necessarie al suo benessere fisico.

Quali sono i principi nutritivi necessari per l’alimentazione del gatto adulto?

Proteine

Un corretto apporto proteico (circa l’8%) è fondamentale per garantire al gatto una crescita equilibrata, un pelo lucente e una corretta rigenerazione dei tessuti. Le proteine sono presenti nella carne, nel pesce, nelle uova e nei formaggi.

Taurina

La taurina è un amminoacido fondamentale, la cui carenza provoca disturbi seri quali insufficienza cardiaca, cecità e malformazioni nei gattini. Il gatto però non è in grado di sintetizzarla naturalmente e deve quindi obbligatoriamente assumerla attraverso il cibo. I soggetti selvatici riescono a reperirla autonomamente nutrendosi della carne di topo, che ne è particolarmente ricca. I gatti domestici vanno invece aiutati, in particolare con i cibi secchi per gatti in commercio.

Grassi

Una giusta dose di grassi (circa il 40% come percentuale ideale, intorno al 25% all’interno di una dieta di mantenimento) è fondamentale per la salute generale del gatto (in particolare per la funzionalità renale) e per la lucentezza del suo pelo. I grassi animali e vegetali forniscono maggiore energia rispetto agli altri nutrienti e sono più digeribili rispetto a proteine e carboidrati.

Carboidrati

I carboidrati sono contenuti nel riso, nella pasta e nei cereali e servono al gatto soprattutto per disporre di energia immediatamente pronta all’uso e regolare la funzionalità gastrointestinale. Un’alimentazione bilanciata prevede una quantità adeguata di sali minerali quali calcio, fosforo, magnesio, sodio e potassio (essenziali per le ossa, i denti e i muscoli) e di vitamine A, B e D.

Acqua

Elemento essenziale che deve essere sempre disponibile; va data fresca e pulita.

Cosa dare da mangiare ai gatti adulti?

Se si sceglie di preparare in casa gli alimenti per il gatto è importante che la carne sia ben spezzettata e scottata (non cruda, per evitare rischi di salmonellosi), che il pesce sia privo di lische e altre ossa e che nella dieta siano presenti verdure, cereali e pane (o grissini). Sono da evitare sia i legumi che le patate, oltre naturalmente agli avanzi della tavola e ai dolci. Anche il cibo per cani è sconsigliato per l’alimentazione del gatto, poiché non sostiene il suo fabbisogno di vitamine, taurina, proteine e lipidi.

In alternativa, è possibile somministrare al gatto gli alimenti di produzione industriale. Questa opzione è anzi preferibile: oltre a essere molto appetibili, i cibi confezionati e i cibi in scatola per gatti sono perfettamente bilanciati, contengono cioè le giuste proporzioni di tutti i principi nutritivi essenziali per il suo fabbisogno nutrizionale (proteine, taurina e grassi di origine animale, carboidrati, vitamine, sali minerali, acqua). Inoltre, le confezioni riportano le indicazioni circa la quantità esatta da somministrare a ogni pasto in base alle diverse tipologie di gatto.

I cibi confezionati sono disponibili in commercio nelle formulazioni secche (crocchette, snack) e umide (scatolette, bocconcini, paté). Se si è incerti sul tipo o formato da scegliere, il veterinario è in grado di indicare il cibo per gatti più adatto, in grado di fornire un apporto nutritivo completo e bilanciato.

Cibi secchi per gatti

Generalmente disponibili sotto forma di crocchette adatte a ogni fase della vita del micio (gattini in crescita, gatti adulti, gatti anziani); questi cibi per gatti sono molto pratici e in genere meno costosi delle scatolette. Inoltre, poiché contengono una percentuale molto bassa di acqua (non oltre il 10%), possono essere lasciati nella ciotola senza che si deteriorino. La croccantezza di questi alimenti aiuta il gatto a mantenere la piena funzionalità di denti e gengive.

Nella maggior parte dei casi, i mangimi secchi riportano la dicitura “alimento bilanciato e completo”, poiché contengono tutti gli elementi nutritivi necessari al gatto (proteine, grassi, fibre, vitamine, acidi grassi, minerali) nelle giuste proporzioni.

Sono inoltre disponibili cibi secchi per gatti con specifiche finalità: “dietetici” per gatti con particolari problemi di salute (reni, fegato, giunture e così via), “light” ipocalorici per gatti con problemi di peso, “hairball” per la prevenzione delle palle di pelo e altre formulazioni finalizzate all’estetica (lucentezza del mantello, salute della pelle).

Cibi umidi per gatti

I cibi umidi per gatti sono commercializzati in scatolette o bustine monodose, due formati particolarmente indicati per chi cerca praticità e velocità. Gli alimenti umidi, tuttavia, vanno a male facilmente e devono essere dunque serviti a orari regolari, così che il gatto li consumi per intero prima che inizino a deteriorarsi e, conseguentemente, ad attirare insetti.

I cibi umidi per gatti sono disponibili sotto forma di paté o mousse oppure “al naturale”, cioè con gli ingredienti inseriti interi (ad esempio, bianchetti, gamberetti o pezzi di tonno o salmone). Anche per gli alimenti umidi sono disponibili formulazioni per finalità speciali (“light”, dietetici, protezione del pelo).

Tags
Condividi su