Master Brand

Malattie causate dalle zecche: i rischi per gli animali e le persone

Condividi su
Intro Text
Il morso è solo uno dei problemi associati alle zecche. Più grave è la loro capacità di veicolare agenti patogeni responsabili di pericolose malattie. Le più frequenti in Italia sono l’ehrlichiosi, la babesiosi, la malattia di Lyme e l’anaplasmosi.
Content
Image
Primo piano di un cane visto dall'alto in un prato

I rischi per i cani

I sintomi delle malattie da zecca del cane possono variare a seconda della patologia in questione.

Ehrlichiosi

Questa malattia può essere trasmessa dal morso della zecca comune del cane (Rhipicephalus sanguineus) sia al cane che all’uomo. Si manifesta con febbre alta (anche superiore ai 40° C), congiuntivite, sonnolenza, perdita dell’appetito, perdita di peso e altri sintomi a carico del sistema nervoso e scheletrico.

Babesiosi

Alcune zecche, come la zecca comune del cane (Rhipicephalus sanguineus) possono trasmettere la babesiosi (o piroplasmosi), una malattia che può avere conseguenze anche fatali nei cani. Questo parassita invade i globuli rossi provocando una grave anemia.

I sintomi possono includere febbre, riduzione dell’appetito, debolezza, sonnolenza, mucose pallide e itteriche.

La babesiosi viene trasmessa per lo più dalla zecca comune del cane, a volte dalla zecca dei boschi e anche attraverso le trasfusioni di sangue nel cane.

Borreliosi o malattia di Lyme

Anche questa malattia può essere trasmessa sia al cane che all’uomo. Nel cane i sintomi sono: febbre, malessere generalizzato, dolori alle articolazioni e zoppia, che può risolversi in 2-4 giorni per poi comparire ogni 2-4 settimane.

Rickettsiosi

Malattia che colpisce il cane e anche l’uomo. Si manifesta con febbre, sonnolenza e a volte dolore articolare.

Anaplasmosi

Le zecche dei boschi (Ixodes ricinus) sono responsabili della trasmissione di questa malattia, che può causare gravi sintomi nei cani. I più frequenti sono: febbre alta, sonnolenza, riduzione dell’appetito, riluttanza al movimento.

Image
Zecca

Come prevenire le malattie causate dalle zecche

Le malattie causate dalle zecche possono essere difficili da curare e a volte più di una può essere trasmessa simultaneamente. La diagnosi precoce e il giusto trattamento sono fondamentali per preservare la salute del tuo animale domestico. Rivolgiti sempre a un medico o a un veterinario se temi per lo stato di salute del tuo animale. Il modo migliore per aiutare a proteggere i tuoi animali è non esporli al rischio di puntura. Per farlo occorre utilizzare prodotti che, oltre ad avere attività acaricida, abbiano anche attività repellente, cioè che siano capaci di impedire al parassita di pungere il cane.

I cani dovrebbero essere trattati prima dell’inizio della stagione a rischio (fine febbraio-inizio marzo) fino alla fine di settembre-novembre, a seconda delle zone.

I trattamenti a tua disposizione sono molti, come per esempio collari, gocce (spot-on), spray e compresse, ma non tutti hanno attività repellente. Solo usando antiparassitari ad attività repellente le zecche vengono eliminate al contatto prima ancora che possano pungere l’animale, riducendo così la possibilità di trasmissione di malattie dalla zecca al cane.

In aggiunta, in linea generale, dopo aver frequentato aree a rischio è importante ispezionare accuratamente sé stessi e il proprio cane. Anche i trattamenti antiparassitari a volte non sono in grado di proteggere al 100% l’animale. Se si nota una zecca attaccata, bisogna rimuoverla prontamente con apposite pinzette. Le zone preferite dalle zecche sono inguine, ascelle, testa, torace.

Condividi su