Master Brand

Che aspetto hanno le zecche nei gatti e nei cani? Impara a riconoscerle

Condividi su
Intro Text
Maestre nel nascondersi, le zecche nei gatti e nei cani sono difficili da scovare. Impara a riconoscere il loro aspetto, come cercarle e cosa fare se ne trovi una.
Content
Image
Cane che si gratta il collo

Subdole e pericolose, le zecche salgono su cani e gatti per andare a posizionarsi in punti specifici, dove è più facile succhiarne il sangue. Trovarle a volte non è cosa semplice.

Questo parassita è capace di confondersi facilmente nel pelo folto, senza contare che non ama girovagare a lungo sul corpo della “vittima”, ma vi si sposta solo per trovare il punto ideale da pungere per iniziare a succhiare sangue. Ben aggrappato alla pelle, vi si incunea con il suo particolare apparato boccale.

Come riconoscere le zecche di cani e gatti

Esistono oltre 850 specie di zecche al mondo ma, in generale, hanno delle caratteristiche comuni. Le larve delle zecche, le ninfe e le zecche adulte sono tutte in grado di mordere, tuttavia si differenziano sotto alcuni aspetti:

  • Le larve hanno le dimensioni di un granello di sabbia e sembrano dei puntini rossi o neri.
  • Le ninfe sono leggermente più grandi delle larve, simili a un seme di sesamo.
  • Una zecca adulta a digiuno ha le dimensioni di un seme di mela schiacciato e a forma di lacrima. Di solito sono di colore marrone, con una zona più scura attorno all’apparato boccale.
  • Le zecche dopo un pasto sono notevolmente più grandi di quelle a digiuno e misurano circa 1 cm.

Come cercare le zecche nei gatti e nei cani

Ispezionare regolarmente il tuo animale per determinare la presenza di zecche può aiutare a proteggerlo e a farti dormire sonni più tranquilli. Questi utili consigli ti aiuteranno a individuare le zecche nei gatti e nei cani.

  1. Passa le dita fra il pelo del tuo animale. Le zecche, soprattutto dopo mangiato, sono come delle protuberanze arrotondate sulla superficie della cute.
  2. Controlla in particolare:
  • Il collo, una delle aree predilette dalla zecca e tra le prime da ispezionare insieme alle orecchie.
  • Le “ascelle”.
  • La testa e il muso, vale a dire attorno alla bocca, alle labbra e alle orecchie, dove la pelle è sottile quanto basta per essere perforata con facilità e i vasi sanguigni sono a portata diretta di puntura.
  • Le zampe.
  • Fra le dita delle zampe, zona in cui non c'è molto spazio per attaccarsi e succhiare sangue; è una posizione scomoda, ma spesso le zecche si posizionano proprio qui.
  • Sulla coda.
  • Nell’area inguinale; tra le pieghe della pelle delicata, sottile e calda di questa parte del corpo del cane le zecche si possono trovare a loro agio per il pasto. Lo stesso vale per la zona perianale, normalmente umida e scura.

Ricorda che le zecche possono anche annidarsi nella bocca! Guarda bene sotto al collare o altri accessori, nascondigli perfetti per questi parassiti. Nei cani e nei gatti le zecche possono speso nascondersi tra il pelo lungo; tuttavia, preferiscono nutrirsi nelle zone in cui è più facile raggiungere la cute.

Nota bene: di solito, quando vedi una zecca, questa si è già annidata sul tuo animale e si sta alimentando. A volte però potresti trovare una zecca affamata che vaga sulla superficie del mantello del tuo cane alla ricerca del posto ideale.

  1. Capita che le persone confondano piccole imperfezioni sulla cute degli animali per zecche. Se sospetti che si tratti di una zecca, ispezionala più da vicino: se vedi delle zampe spuntare tra la cute significa che effettivamente è una zecca con la testa infissa nella cute del tuo animale. Se continui ad avere dei dubbi o la situazione ti preoccupa, rivolgiti al tuo veterinario.
Image
Zecca ingrossata che si nutre sulla pelle di un cane a sinistra e sulla pelle di un gatto a destra

Come rimuovere una zecca o cosa fare se ne trovi una

Se noti una zecca sul tuo animale, niente panico! E, soprattutto, non cercare di tirarla via con le dita: corri il rischio di schiacciare o aprire la zecca mentre si sta alimentando.

Ricorda! La prevenzione rimane larma migliore: con un buon antiparassitario ad attività repellente è possibile tenere le zecche alla larga, evitandone le punture. Non tutti gli antiparassitari sono uguali, solo quelli ad attività repellente uccidono le zecche prima che possano pungere. Infatti, oltre al fastidioso gonfiore, le punture di zecca sul cane e sul gatto possono essere vettrici di pericolose malattie.

Leggi i nostri consigli su come rimuovere una zecca in modo sicuro da gatti e cani e cosa fare per proteggerli.

Condividi su