Master Brand

Come prendono i vermi intestinali i gatti?

Condividi su
Intro Text
Il tuo gatto può entrare in contatto diretto con i parassiti intestinali e prenderli. Come? Continua a leggere per scoprirlo.
Content
Image
Gatto che si fa la toeletta

I gatti sono potenzialmente esposti a vari tipi di parassiti intestinali nel corso della loro vita, ma i più comuni sono i vermi tondi, i vermi uncinati e i vermi piatti. Questi parassiti possono provocare tutta una serie di problemi di salute. Ma come contrae i vermi intestinali il gatto?

Dall’ingestione di uova di vermi presenti nelle feci di animali infetti

Il metodo più frequente è la trasmissione delle uova all’esterno attraverso le feci, è quindi sufficiente che il gatto annusi o ingerisca il terreno contaminato con le feci per contagiarsi.

Nel caso dei vermi tondi, delle microscopiche uova di vermi nelle feci dei gatti o di altri animali infetti possono diffondersi nell’ambiente circostante (per esempio nel terreno del tuo giardino), dove possono sopravvivere per anni. Se il tuo gatto ingerisce accidentalmente queste uova o le larve, magari camminando su un terreno infetto e poi leccandosi le zampe durante la toeletta, può contrarre il parassita e sviluppare un’infezione.

Nel caso dei vermi uncinati, le uova si schiudono nel terreno, rilasciando delle larve che possono essere inghiottite dal tuo gatto e causare il contagio.

Dalle pulci

Il modo più comune di contrarre la tenia nel gatto è attraverso l’ingestione di pulci infestate. Si stima che il 50% delle pulci ingerite da un gatto viene ingoiato quando si pulisce; le pulci infestate dalla tenia finiscono così nell’intestino.

Dalla caccia

Roditori, uccelli, lucertole e altri piccoli animali possono essere infettati dalle larve di vermi tondi, uncinati e piatti. Se i gatti ingeriscono un animale infetto (o parte di esso) quando caccia o rovista in giro, possono venire contagiati a loro volta.

Dal latte materno

Purtroppo, i gattini hanno alte probabilità di contrarre i vermi prima ancora che vengano separati dalla madre: spesso è proprio lei a trasmettere le larve dei vermi tondi ai suoi piccoli durante l’allattamento. A causa della loro vulnerabilità, i parassiti intestinali possono essere particolarmente pericolosi per i gattini, con sintomi come diarrea, vomito e crescita ridotta.

Dalle larve che penetrano la pelle

Nel caso dei vermi uncinati, quando le uova si schiudono per terra rilasciano le larve. Queste possono penetrare nella cute dell’animale e accedere ai tessuti più in profondità.

Come trattare i vermi intestinali del gatto

Sverminare il gatto regolarmente aiuta a evitare i problemi di salute e tutti i fastidi da essi causati.

Prevenire i vermi intestinali del gatto

Gattini e animali in età avanzata sono a rischio di infestazione. Ma questo pericolo è esteso comunque a tutti gli animali domestici, gatti e cani in primis. Ecco perché occorrono controlli periodici e regolari. I prodotti specifici, come un antiparassitario contro i vermi intestinali, possono essere utilizzati su indicazione del veterinario.

È importante avere ben chiara una cosa: la maggior parte dei prodotti vermifughi a disposizione elimina i vermi adulti presenti nel tuo gatto al momento del trattamento stesso, ma non perdurano nel corpo dell’animale e, quindi, non svolge un’azione protettiva nel tempo. Tuttavia, esistono in commercio prodotti che, se somministrati mensilmente, possono aiutare a prevenire le infestazioni di nuovi vermi tra un trattamento e il successivo.

Sapevi che i vermi del gatto sono trasmissibili all'uomo?

E noi, siamo immuni dai nemici invisibili? Non proprio! Non capita di frequente, ma venendo in contatto con un terreno contaminato da vermi piatti (come tenie), tondi (ascaridi) o altri parassiti è possibile essere infettati. Una buona prevenzione diventa quindi indispensabile. Ricordati anche di lavarti accuratamente le mani dopo aver toccato il tuo gatto.

Condividi su