Master Brand

Pappataci: cosa sono e come proteggere il tuo cane

Condividi su
Intro Text
Non sai cosa sono i pappataci? Continua a leggere per saperne di più su questi pericolosi insetti vettori della leishmaniosi e per scoprire come proteggere il tuo cane.
Content

I pappataci o flebotomi sono piccoli insetti di 2-4 mm di lunghezza dotati di grandi ali e ricoperti di una leggera peluria su tutto il corpo. Assomigliano sotto molti punti di vista alle zanzare, non solo nell’aspetto ma anche per abitudini e altre caratteristiche.

Come le zanzare, sono ben noti per le loro punture. Solo le femmine si nutrono di sangue, necessario allo sviluppo delle uova.

Attraverso il loro apparato boccale "pungente-succhiante" avviene la trasmissione del microrganismo Leishmania infantum, che può causare una grave malattia nel cane, conosciuta come Leishmaniosi canina.

Pappataci: Dove vivono e zone a rischio

La Leishmaniosi è generalmente presente nelle zone tropicali e sub-tropicali ma risulta ampiamente diffusa anche in tutto il bacino del Mediterraneo, isole comprese. Il riscaldamento globale e la crescente mobilità di persone e animali implicano la comparsa, anno dopo anno, di nuovi focolai.

In Italia alcune zone sono considerate endemiche e, dunque, ad altissimo rischio di infezione. Si tratta delle zone costiere (costa tirrenica, ionica e adriatica), del centro-sud e delle isole, ovvero aree in cui prevale un clima più caldo, che risulta particolarmente confortevole per i pappataci. Sono stati segnalati però nuovi focolai anche in aree del nord Italia prima ritenute indenni. I flebotomi risultano distribuiti irregolarmente sul territorio nazionale in una fascia compresa mediamente tra il livello del mare e gli 800 metri di altezza.

Alle nostre latitudini sono attivi nel periodo compreso tra maggio e ottobre, anche se i cambiamenti climatici e ambientali stanno già modificando il ciclo biologico di questi parassiti, prolungandone la stagione d’attività ed estendendone l’habitat a territori fino a pochi anni fa non colonizzati, come appunto le regioni settentrionali.

I pappataci sono insetti notturni come le comuni zanzare: iniziano la loro attività al crepuscolo. Durante il giorno preferiscono mantenersi al riparo dal sole in ambienti umidi e freschi, come anfratti e buchi nel terreno, crepe dei muri, all’interno di abitazioni o tane di altri animali.

Come eliminare i pappataci dai cani

Per proteggere i cani bisogna innanzitutto evitare le punture di questi parassiti, in modo da ridurre il rischio di trasmissione della leishmaniosi. Trattandosi di insetti volanti, la prevenzione della leishmaniosi del cane non è un'impresa facile, ma è comunque possibile.

Ecco cosa puoi fare:

  • evita di passeggiare o lasciare il cane all'aperto nelle ore serali e notturne;
  • fallo dormire preferibilmente in casa;
  • applica zanzariere a maglie fitte alle finestre;
  • utilizza insetticidi ambientali;
  • applica al cane prodotti repellenti specifici per i pappataci autorizzati anche per la riduzione del rischio di trasmissione di leishmaniosi canina.

In commercio esistono numerosi tipi di antiparassitari attivi contro pulci e zecche ma non tutti offrono proprietà repellente contro i pappataci e di conseguenza non tutti sono adatti per la protezione dal rischio di trasmissione della Leishmaniosi. Queste attività sono chiaramente riportate all’interno del foglietto illustrativo dei prodotti. Se impiegati correttamente, gli antiparassitari repellenti sono sicuri e ben tollerati dal cane.

Puoi scegliere tra antiparassitari per cani spot-on (gocce), collari e spray: durata, praticità di impiego ed efficacia variano di prodotto in prodotto. Per questo è consigliabile rivolgersi a un veterinario che sceglierà un buon prodotto antiparassitario che si adatti alle abitudini di vita del cane e della sua famiglia.

Image
Un pappatacio visto da vicino
Condividi su