Master Brand

Alla scoperta delle razze canine: lo Yorkshire Terrier

Condividi su
Intro Text
Piccolo, sveglio, dal pelo lungo e setoso e con una grande personalità: lo Yorkshire Terrier è un ottimo cane da compagnia. Ecco qualche informazione per imparare a conoscerlo meglio.
Content
Image
Alla scoperta delle razze canine- lo Yorkshire Terrier

Per alcuni aspetti morfologici ma soprattutto per il carattere vivace e attivo, lo Yorkshire è a tutti gli effetti una versione da compagnia (e in miniatura) di un Terrier.

È un cane di piccola taglia, risultato di incroci tra: Skye Terrier, piccolo Terrier inglese, Dandie Dinmont Terrier e maltese, mentre alcuni studiosi sostengono che sia legato anche all’airedale Terrier.

Prende il nome dalla regione inglese in cui, nella seconda metà del XIX secolo, veniva utilizzato per dare la caccia ai topi nei depositi di lana degli stabilimenti tessili e soprattutto nelle miniere di carbone locali. Grazie alle sue dimensioni ridotte era infatti in grado di infilarsi nelle gallerie e nei cunicoli per inseguire i roditori o per segnalare la presenza di eventuali lavoratori in difficoltà. Riconosciuto come razza nel 1886, lo Yorkshire Terrier è presto diventato un cane esclusivamente da compagnia e oggi è uno dei più popolari al mondo.

Aspetto fisico e caratteristiche dello Yorkshire Terrier

Lo Yorkshire Terrier è un cane molto piccolo: ha un’altezza di 22-23 cm e può arrivare a un peso massimo di 3 kg.

Oltre alla stazza minuscola, una delle sue caratteristiche tipiche è il lungo e setoso pelo bicolore: blu-acciaio sul corpo e marrone rossiccio sulla testa e sul torace. Le due tinte non si mescolano e sono anzi visibilmente separate da una divisione longitudinale che va dalla coda al naso. Ha occhi scuri molto espressivi e orecchie dritte che spuntano dalla testa, dove il pelo è più contenuto.

Carattere dello Yorkshire Terrier

Sveglio e amabile, lo Yorkshire Terrier è un cane dotato di una grande personalità, che cerca costantemente la compagnia del proprio padrone e gradisce gli agi del salotto. Ma è tutt’altro che sedentario: pur non essendo un gran camminatore, ama giocare in casa e ha la necessità di fare costante attività fisica e mentale, retaggio del suo passato di cacciatore.

È un cane che ama molto le coccole: se non riceve le attenzioni di cui ha bisogno talvolta sviluppa alcuni disturbi a livello comportamentale abbastanza facili da individuare (ad esempio, scava insistentemente o abbaia in modo eccessivo).

Esigente e tenace, è anche un cane da guardia molto efficiente e rumoroso, probabilmente perché non si rende davvero conto della propria taglia ridotta e questo equivoco talvolta lo porta a diventare aggressivo anche con cani e animali molto più grandi di lui.

Cura e alimentazione dello Yorkshire Terrier

Le dimensioni ridotte rendono lo Yorkshire Terrier ideale per la vita in appartamento, ma questo cane in realtà si adatta ovunque. Naturalmente, visto il suo passato di cane da caccia, apprezza molto anche la vita in campagna, ove però è necessario tenerlo sotto stretta sorveglianza per evitare che si infili nelle tane di conigli o altri roditori o litighi con gli animali selvatici.

Essendo piuttosto impegnativo dal punto di vista delle attenzioni, lo Yorkshire richiede un padrone adulto in grado di dedicargli tempo ed energie. Può far parte di un nucleo familiare, anche con bambini, purché questi non siano troppo piccoli: essendo così minuto, lo Yorkshire Terrier è infatti piuttosto fragile e può mordere se provocato o maltrattato anche involontariamente.

In famiglia non è aggressivo e va d’accordo con i gatti, ma può essere litigioso con gli estranei, un po’ per paura e un po’ per la sua indole di cacciatore e cane da guardia. Con una buona educazione, impartita quando è ancora cucciolo, questa tendenza all’ostilità può essere facilmente corretta.

La toelettatura non è impegnativa: il pelo non presenta mute intense poiché è quasi completamente privo di sottopelo, una caratteristica che rende la razza Yorkshire Terrier particolarmente adatta alle persone asmatiche, allergiche o sensibili al pelo del cane. Il pelo di copertura richiede invece qualche cura in più, poiché è lungo, ricco di sevo e rischia di annodarsi, spezzarsi e infeltrirsi, con danni anche permanenti.

Per quanto riguarda l’alimentazione, poiché lo Yorkshire Terrier ha una tendenza all’obesità, è opportuno somministrargli cibo in dosi appropriate e con il giusto equilibrio di nutrienti. Chiedi al tuo veterinario per conoscere il corretto apporto nutrizionale di cui questa razza ha bisogno.

Condividi su