Master Brand

Come insegnare al tuo cucciolo a non mordere

Condividi su
Intro Text
Per un cucciolo, mordere tutto quello che gli capita a tiro è un modo naturale di esprimere la sua giocosa curiosità e serve anche per alleviare il dolore della dentizione. Tuttavia, è importante togliergli questa abitudine il prima possibile. Ecco cinque semplici lezioni su come educare un cucciolo a non mordere.
Content
Image
Cucciolo di bassotto che mordicchia la punta di uno stivale

Addestrare un cucciolo a non mordere è una parte davvero importante dell’addestramento, poiché un cane adulto abituato a mordere può essere un pericolo per le persone (soprattutto per i bambini) e per gli altri animali. Segui queste cinque lezioni per assicurarti che i tuoi insegnamenti funzionino.

Lezione 1: regolare l'intensità del morso 

Puoi pensare che impedire al tuo cucciolo di mordere sin da subito sia una buona idea. Ma così facendo salteresti una fase vitale dello sviluppo cognitivo del tuo cane. Infatti, è molto importante per il cucciolo che morde imparare a riconoscere il limite oltre il quale il suo morso causa dolore e quindi imparare a regolare la pressione che esercita. Gli serve a sviluppare un’inibizione interna che gli impedisce di ricorrere a risposte eccessive in situazioni di stress o paura.

Per insegnare al cucciolo a non mordere con troppo vigore, tieni in considerazione il modo naturale di giocare dei cuccioli. Mordicchiare con delicatezza è un comportamento naturale di ogni cucciolo, quindi lascia che lo faccia; ma appena il cucciolo morde la tua mano con maggiore intensità, emetti un guaito e non muovere la mano.

Questo fa capire al cane che ha esagerato e presto imparerà a modulare la sua forza. Tutte le persone che giocano con il tuo cucciolo devono adottare questa strategia. La costanza è molto importante per addestrare un cucciolo e la ripetizione aiuta a rafforzare ogni lezione.

Lezione 2: niente denti sulla pelle

Una volta che il cucciolo ha imparato a regolare l'intensità del morso con le persone, puoi passare alla lezione successiva: insegnargli a non usare i denti sulla pelle. Per farlo, continua con la tecnica precedente ma ora, oltre a emettere un guaito al minimo morso troppo intenso, affloscia anche la mano. Comunicherai al cucciolo che usare i denti sulla pelle non va bene perché provoca dolore.

Puoi rafforzare questo esercizio anche con i premi: chiudi la mano a mo’ di pugno stringendo un bocconcino. Il cucciolo annuserà il cibo e cercherà di accedervi. Apri la mano solo quando non sta mordicchiando o graffiando il pugno. Questo farà capire al tuo cucciolo che con la pelle non bisogna usare la bocca. Ci vuole un po’ di tempo e molta pazienza in questa parte dell’addestramento ma i cuccioli sono un po’ come i bambini: sono programmati per imparare e adattarsi.

Lezione 3: usa i giocattoli per reindirizzare la loro attenzione

Visto che mordere, rosicchiare e in generale usare la bocca sono comportamenti naturali nei cani, non dobbiamo eliminarli completamente. Sin da subito, però, il cucciolo deve avere ben chiaro che mordere un giocattolo va bene, mentre mordere la pelle della gente no. Nell’addestrare il cucciolo con le due precedenti lezioni, assicurati che il cagnolino abbia a disposizione dei giocattoli da mordere per fargli capire che nel caso dei giocattoli può sbizzarrirsi, mentre con la pelle vanno rispettati alcuni limiti.

Lezione 4: a volte è meglio lasciar perdere 

I cuccioli e i bambini hanno molte cose in comune. Una di queste è che a volte fanno fatica a concentrarsi su una lezione, soprattutto se sono agitati. Spesso la cosa migliore da fare è lasciar perdere: interrompi l’addestramento e dai al cucciolo un po’ di tempo per calmarsi, magari con un giocattolo.

Non pensare che privarlo della lezione con te sia una punizione, è solo un modo per permettergli di recuperare la calma. Quando si è tranquillizzato, riprendi pure ad addestrare il cucciolo.

Lezione 5: placa il suo istinto di “radunare il gregge”

I cuccioli di alcune razze canine nascono con un forte istinto di radunare il gregge, che li spinge a mordere talloni e caviglie del proprietario nel tentativo di mantenere il “gregge” in movimento o condurlo dove desiderano. Ecco spiegato perché il cane morde i piedi con particolare interesse in certi casi! Se il tuo amico a quattro zampe mostra questo comportamento, fermati ogni volta che ti morde e resta immobile, in modo che capisca che il suo morso produce l’effetto contrario a quello desiderato. Col tempo smetterà di farlo. Inoltre, evita di usare infradito, sandali o calzature simili: attirano troppo l’attenzione verso i piedi.

Mantieni la calma e la concentrazione 

Addestrare un cucciolo richiede molta pazienza e perseveranza. Il tuo cane potrebbe non capire subito quello che stai cercando di insegnargli, quindi calma e sangue freddo! Mantieni la concentrazione e continua l’esercizio. Grida e rimproveri servono solo a spaventare il cucciolo o a generare uno stress innecessario, tutte cose negative che il cucciolo potrebbe ricordare anche da adulto e che potrebbero causare proprio il comportamento che vuoi evitare.

Se vedi che il tuo cucciolo ha particolari difficoltà a imparare a non mordere, puoi sempre rivolgerti a un addestratore professionista. I cani che mordono sono un pericolo per te e per gli altri ed è tua responsabilità garantire la sicurezza di chiunque abbia a che fare con il tuo animale domestico.

Condividi su